Toscana – produzione di vino e superfici vitate – aggiornamento 2010

2 commenti
Print Friendly, PDF & Email


Il quadro che ci propone l’ISTAT relativamente alla Toscana e’ ancora una volta di una produzione molto stabile nel tempo. La qualita’ dei dati e’ media, con una percentuale di produzione stimata del 41% del totale (cioe’ soltanto il 59% della produzione e’ “rilevato”, a quanto dice ISTAT) rispetto al 29% medio stimato per tutta la produzione italiana.
• La produzione di vino 2010 e’ stata di 2.85m/hl, con un incremento del 3% rispetto al 2009 e all’incirca allineata alla media storica. La produzione pero’ sembra essere molto dislocata tra le diverse regioni. Siena produce l’11% in meno dello scorso anno, mentre Firenze fa +15%. Questo significa che la prima provincia sembra essere ora Firenze con 900mila ettolitri, seguita da Siena a poca distanza. Un calo del 10% viene anche rilevato a Grosseto.
• Le superfici sono di nuovo praticamente stabili a 59600 ettari ma anche qui tra le province le cose funzionano in modo molto diverso. A Firenze secondo ISTAT ci sono 2000 ettari piu’ dello scorso anno e siamo a 18400, mentre a Siena se ne sarebbero perduti 1200 e saremmo a un -7%.
• Le rese per ettaro sono in crescita rispetto allo scorso anno a 73 quintali, il livello piu’ alto dal 2006 a questa parte.
• La produzione di vini di qualita’ e’ cresciuta del 3%, in linea con il totale produzione, anche se nel lungo termine (2010 contro 2006) la crescita del 3% si confronta con una stabilita’ del totale. I vini IGT sono rimasti stabili.
• Continua un graduale ma costante orientamento verso i vini rossi, che coprono ormai l’85% del prodotto toscano, il livello piu’ elevato mai registrato da quando abbiamo questi numeri. Si tratta quindi di 2.4 milioni di ettolitri in totale che crescono del 3% nel 2010 (contro il calo del 2% dei bianchi) e del 2% sui 5 anni (contro un calo del 6% annuo per i bianchi).
• I numeri ISTAT sull’andamento della viticoltura a valore sono invece particolarmente negativi, sia per quanto riguarda l’uva che per quanto riguarda il vino. In entrambi i casi il valore aggiunto scende dell’11-12% (ma anche sui 5 anni, del 2.6% per la viticoltura e del 2% per il vino), molto peggio del dato nazionale.

[tutti i grafici qui di seguito]









Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

2 Commenti su “Toscana – produzione di vino e superfici vitate – aggiornamento 2010”

  • gianpaolo

    abbastanza sorprendente, a tal punto da chiedersi se non vi sia qualche errore, la crescita di ben 2000 ettari in provincia di Firenze. Che ne pensi?

  • bacca

    Che ne penso… penso che i dati siano semplicemente sbagliati.
    O meglio, ho la sensazione che ci sono degli anni in cui si scambiano ettari in produzione da ettari totali, per esempio. Poi magicamente i numeri l’anno successivo riprendono il loro vecchio corso (di stabilita’ o di leggero calo).
    Purtroppo, e’ la fonte di dati piu’ importante. Dobbiamo conviverci. O smettere di scriverne.

    bacca

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href=/www.inumeridelvino.it/2011/07/"" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>